Dolce&Gabbana incantano il mondo con le bellezze della Sicilia

Dolce&Gabbana incantano il mondo con le bellezze della Sicilia

Un lungo abbraccio accoglie la sfilata di Dolce&Gabbana in Piazza Pretoria. Un evento che ha fatto discutere e innamorare della Sicilia gli appassionati di moda e non solo.

Calato il sipario sull’evento più glamour dell’estate siciliana è ora di tirare le somme. Lo scorso weekend Palermo e Monreale sono state il palcoscenico della sfilata degli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, interamente dedicata alla Sicilia e alle sue bellezze storiche e architettoniche.

Gli ospiti e le modelle arrivano da mezzo mondo e affollano gli hotel e le piazze del capoluogo siciliano. Per Dolce è un ritorno alle origini, nella sua Sicilia, vicino a quella Polizzi Generosa che l’ ha visto nascere.

Gli abiti di uno dei brand più importanti dell’alta moda italiana hanno incantato la Tonnara Florio, Palazzo Gangi, la Galleria d’arte moderna, dove si è tenuta una cena di gala, Palazzo Mazzarino, piazza Pretoria, la piazza antistante il duomo di Monreale e il Castello di Trabia. Tutti richiamano le bellezze della nostra isola: dalle rappresentazioni musive del Duomo di Monreale al golfo di Mondello, dalle trame tipiche della ceramica siciliana a quelle dei carretti siciliani.

Non poche le polemiche per gli spazi chiusi ai curiosi e agli stessi abitanti del luogo e per le somme versate ai Comuni. E non poco il desiderio di veder risplendere i luoghi toccati dall’evento, anche nei mesi successivi, della stessa luce.